sabato 4 aprile 2020

Associazione Culturale Gurubu Garage 77 di Roma / "OXYGEN" - Progetto con un evento speciale




Comunicato Stampa

Associazione Culturale Gurubu Garage 77 di Roma in collaborazione con Station Gallery di Tortoreto Lido (Te) Pharmacy Art di Venezia e MiMu (Minedi Museum) e Ophen Virtual Art Museum di Sandro Bongiani 

ORGANIZZA:



OXYGEN
Gurubu Garage 77 - Roma
1-31 Maggio 2020

“Di Arte si vive di Arte si muore!”
Opere per un evento speciale ad alto rischio di estinzione e contaminazione!
L'ossigeno O2 e' “drammaticamente” essenziale per tutte le forme di vita animale e vegetale. Senza ossigeno non si respira! Senza ossigeno si muore!


opera di Gabi Minedi

“Il corpo respira tra battiti e numeri persi, alla ricerca continua di un viaggio pulito, che collega i punti elettrici e sonori del sistema nervoso. Ossigenarsi è purificare la propria insonnia, legata da filosofie presocratiche, intente ad eliminare i concetti cosmici del pensiero. Battere e sbattere il cuore e dare fuoco all'anima, decompone e graffia, tutte quelle strutture che si sgretolano tra il punto di vista atomico e quello rumoroso. Il rimorso pervade e si accentua sul tempo perso del fare, dell ammettere, dell'esplodere costantemente, senza avere sanificato e disinfettato, e glorificato abbastanza quella sintesi completa ed astratta, che il corpo, il tatto, i polmoni e le ossa, chiamano desiderio continuo di pneuma multicolore. Siamo passi inquinati dal nostro stesso respiro deforme.” Patrizio Maria





La Mostra Online:

Esposizione virtuale di opere formato 4:3 (20 -15) su una base del modello prestabilito con 50 Artisti di fama Internazionale invitati.

Agli artisti invitati si prega di inviare entro il 25 Aprile le foto delle due opere ad alta risoluzione aventi come supporto i due modelli prestabiliti a gurubu@mail.com 


Base1


Base2


La mostra è esclusivamente su invito e visibile online su Gurubu 

Tutte le opere pervenute verranno stampate su carta di cotone 100% fatta a mano Canson Moulin du Roy 300 gr. rimarranno a far parte della Collezione GURUBU e saranno presentate al pubblico nella prossima BIENNALE EVENTO INTERNAZIONALE POGA POGA (una metropoli che balla), alla seconda edizione “SFRATTO”.

L’evento Poga Poga che si doveva tenere in Roma la prossima estate é stato rinviato nella seconda parte dell’anno 2020.


Contemporaneamente a questo evento, il progetto “Oxygen” é aperto a tutti coloro che hanno il piacere e la voglia di partecipare con le loro opere, che rimarranno a far parte della Collezione Gurubu di Roma per ulteriori eventi futuri. Si ringrazia gli artisti per la fattiva collaborazione







Associazione Culturale Gurubu - Roma 

Curatori: Sandro Bongiani, Patrizio Maria, Gabi Minedi, Joe Gabriel Walsh.

Ufficio Stampa Giada Ferri
Tel. e WhatsApp +393281553001


Gabi Minedi
Via Carso, 4
64018 Tortoreto Lido (Te) Italia
+393281553001




Evento segnalato da Archivio Ophen Virtual Art di Salerno



venerdì 3 aprile 2020

Mostra online / PANDORA VAS FICTILE MAGNA SPES



PANDORA VAS FICTILE  MAGNA SPES








Pandora: artiste ceramiste insieme contro l’epidemia Covid-19. l’associazione Pandora si unisce per dare vita attraverso la creazione e alla vendita dei vasi, alla campagna di solidarietà a favore delle raccolte-fondi per sostenere operatori ed ospedali che ora hanno bisogno di aiuto.

L’iniziativa promossa dall'associazione ‘Pandora artiste ceramiste’ prevede mostra online di vasi realizzati a mano in esemplari unici che reinterpretano il mito del vaso di Pandora all'interno del quale è custodita la speranza. I vasi realizzati dalle artiste ceramiste di tutto il mondo verranno venduti online e l’artista devolverà il ricavato ad un ente (come la protezione civile o un ospedale), per l’acquisto di dispositivi medici per la lotta all'epidemia del Nuovo Corona Virus al motto di we need you help, we’re all on the same boat. 





 Nella presentazione della iniziativa si legge: “Attesa, sospensione, impotenza attanagliano oggi la vita. Ma l’inerzia non aiuta. In questo momento storico di pandemia universale che ha sconvolto e trasformato radicalmente la nostra quotidianità, Pandora, l’associazione di donne artiste e ceramiste coordinate dalla loro leader Annarita Fasano, già tenacemente attiva dall’anno della sua fondazione 2012 vuole coniugare con forza il binomio arte e solidarietà. Ancora una volta la creatività si trasforma in faro di luce e di bellezza ma anche e soprattutto in Abbraccio incondizionato da parte di settantadue vasaie, figlie della Campania, dell’Italia ma anche figlie di altri luoghi del mondo (Svezia, Iran, Argentina, Corea, Tailandia) che donano i proventi delle loro opere a uomini e donne che necessitano di sostegno economico, ad ospedali che hanno bisogno oltre che dell’impegno dei medici, di dispositivi sanitari. Pandora si fa Madre universale, ma anche Amazzone guerriera che vuole combattere contro la malattia manipolando la terra stessa che ci ha generato. Mater dell’Universo è la stessa arte ceramica, non solo originaria fonte della creatività ma anche della Creazione. È la vita stessa e l’universo che emergono dall’argilla e di essa è impastato l’uomo fin dalle origini. La terra ed il vasaio sono presenti in molti testi sacri del passato: la stessa Bibbia assegna loro l’origine del cosmo. Ma oltre alla scrittura biblica ribadiscono questa metafora della vita testi medio-orientali, mitologie dell’Africa, dell’universo dei Maya e dell’immaginario dell’Amazzonia.

Le artiste–ceramiste ancora una volta con il loro richiamo al mito di Pandora hanno aperto, sprigionato la loro forza della natura, trascinando con sé i loro travagli, le ansie, le paure i loro dolori che in questo momento le attanagliano, nella spirale di un inarrestabile fluire senza origine e senza fine hanno tornito, modellato, con la forza delle mani, esprimendo attraverso il sentimento della loro vera natura – che si è manifestata in forme e colori intensi – la forza e la passione. I vasi creati dalle artiste ceramiste ma anche da artisti uomini narravano di sentimenti e di una terra dalle intense vibrazioni cromatiche, di un’energia positiva e di speranza che soprattutto le donne sanno donare e di cui ora il mondo a ha tanto bisogno. Il simbolo del vaso, esprime universalmente l’entità femminile; l’ uniformità del corpo-vaso contenitore che svela l’esistenza femminile. La donna non è solo contenitore, ma è il ‘vaso della vita’ in cui genera sentimenti e ogni cosa vivente. Il vaso di Pandora si è di nuovo aperto sprigionando ‘la speranza’ quella speranza non più simbolo di negatività, non più vaso contenitore di ogni male, ma che diventa nuovamente simbolo primordiale, dove la coscienza si libera con l’armonica emancipazione fatta di smalti e di colori della fantasia, che le artiste-artigiane hanno realizzato, dando nuova forma e una nuova realtà, quella positività che gli appartiene e che ci circonda, nella densa policromia di emozioni e sensazioni che sanno dare, tutte da vivere”



.

Così Gabriella Taddeo, critico d’arte – “Pandora: dalla storia arcaica all’attualità. Figura mitologica della Grecia classica Pandora è la prima donna in assoluto: è la Eva, la Lilith ellenica. E come tutte le prime donne assume su di sé il peso del male. Inconsapevolmente capovolge il vaso datole da Zeus e con esso le malattie, la cattiveria e tutte le brutture dell’Universo. Ma la nuova Pandora corale che da Cava de’ Tirreni si irradia in altri luoghi del mondo vuole che questi malefici divengano arte del creare, benessere per l’umanità intera. C’è un’altra tradizione storica e religiosa che parte dalle remote civiltà dei Galli e dei Celti, attraversa le genti latine ed approda fino alla nostra età tecnologica: è quella delle Matres: la loro è una fisionomia giunonica di divinità seduta su grandi troni con la sua prole. Sono immagini dell’essere che si rigenera, della terra che germoglia, sono l’interno di un luogo in cui ci si rifugia dai pericoli dell’esterno, l’accoglienza di un vaso che avvolge. È guarigione, è fluire dell’acqua che lava e rigenera. A queste Mattes che divennero presso i Latini Mater Matute, si ispira l’Associazione Pandora Artiste Ceramiste: riconosce questa qualità femminile del creare e dell’accogliere, segno di una civiltà progredita in cui dal vaso escono solo benefici. “Cava de’ Tirreni si fa terra accogliente, produce osmosi fra tradizioni locali ed innovazioni, rete sociale che dall'Occidente si spinge fino all'Oriente producendo proficue trasformazioni, forse la nascita di un mondo nuovo e più creativo, L’Associazione Pandora Artiste Ceramiste si radica in tale tradizione ma da tali radici vuole anche attualizzarsi, rinnovarsi. Opera da anni con successo sul territorio nazionale, europeo ed internazionale con mostre, eventi, progetti, formazione e promozione per valorizzare con il suo impegno culturale, artistico e sociale, la forza dell’universo femminile. Così anche per la mostra di Bruxelles nel 2015 ‘Pandora: Donne di terra, donne di fuoco’, le artiste – ceramiste hanno preparato un’opera corale, creata per il Parlamento Europeo e che recentemente è stata donata al Museo archeologico nazionale di Pontecagnano Faiano. Alla realizzazione ha partecipato anche un gruppo di ragazzi diversamente abili dai 18 ai 24 anni, appartenenti al progetto ‘Pandora Ability’, seguiti dall'associazione con laboratori attivi di volontariato per il loro avviamento e per l’inserimento nel mondo del lavoro. Nel settembre scorso ha dato origine a un progetto significativo e inedito di promozione e diffusione dell’arte ceramica in Corea del Sud. L’Associazione Pandora Artiste Ceramiste è stata definita un gruppo in versione 2.0, le cui protagoniste unite dal desiderio di collaborare e del fare insieme, riscoprono la virtù dell’ascolto reciproco condividendo progetti ed intenzioni. Suo obiettivo primario è sempre creare un lavoro unico e collaborativoche nasce da quello specifico di ognuna delle partecipanti per poi farsi corale” racconta la presidente dell’Associazione Pandora Annarita Fasano ripercorrendo le tappe di un percorso articolato, proficuo, unico”.







I NOMI – Anna Rita Fasano, Annamaria Panariello, Angela Fariello, Elia Tamigi,  Fulvia BarbutoLoredana Avagliano, Paola Taglè, Rosa SalsanoRosamaria Maiorino BalducciSalvatore Passaretta, Cava de’ Tirreni (Sa); Audry Grostieta García, Città del Messico; Albagaya Cirillo, Sondra Toraldo, Cardito (Na); Agnes Duerrschnabel, Como; Alessandra Di Marco, Annamaria Grippo, Maria Grazia MorsellaMaria Valerio, Roma; Amalia FerrignoIlaria Di GiacomoMaria Gabriella IppolitoMiriam GipponiRosa AutilioRosa Tipaldi, Sandra MassaroTonia Molinari, Salerno; Anna SpadaforaAngela De Luca, Carla Majorano, Giovanna D’AusiloGiovanna Di Guida, Giovanna FauciGiovanna GuarnieriGiuseppina ScottiLisa BellisLucia Vecchiarelli, Maria SabettiMarina Orlando, Nina Sirignano, Paola Capriotti, Paola ImpagliazzoRosaria Bianco, Napoli; Annabel Marrero Sambad, Atripalda (Av); Annalisa Ferrucci, Calvanico (Sa); Beatriz Irene ScottiElisabetta CialliGiuliana DiniMartina Buzio, Firenze; Benedetta Del Monaco, Grottaglie (Ta); Behnaz EshaghtabarDorna Abyak, AmolNiloo Farizadi, Iran; Cinzia Fantozzi, Elisa Simonelli Milano; Claudia Altavilla, Maddaloni (Ce); Daniela Lai, Viterbo Deborah Ciolli, Piombino (Li); Elena Chiappini, Arcola (Sp); Elisabetta Brunetti Buraggi, Savona; Elisabetta Surico, Sorrento (Na); Elvira Peduto, Vietri sul Mare (Sa); Emilia BalestrieriRosalba Di Chiara, Quarto (Na); Irene De Stasio, Formia (Lt); Maria Pia Ferraiuolo, Capri (Na); Maria Luisa Aiello, Vico Equense (Na); Marzia De Rosa, Eboli (Sa); Mirta Morigi, Faenza (Ra); Nunzia Della Corte, Castel San Giorgio (Sa); Nuria Pozas, Avilés (Spagna); Paola Ramondini, Viterbo; Patty Wouters, Anversa (Belgio); Robbie Mazzaro, Malta; Roberta Barlati, Ravenna; Sandra Ban, Skrad (Croazia); Stefania De Rosa, Arzano (NA); Sabino Gioia, Avellino; Ics Future Village – Giffoni Valle Piana (Sa).





mercoledì 1 aprile 2020

Mostra Virtuale Collettiva Internazionale " #GlobalViralEmergency / Fate Presto"




SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

#GlobalViralEmergency / Fate Presto
L’arte tra scienza, natura e tecnologia

a cura di Sandro Bongiani

con la collaborazione di Ruggero Maggi e Giuseppe Denti

Da lunedì  30 marzo a sabato 13 giugno 2020



“La vita non è altro che un incessante  e temporaneo succedersi di presenze e di  azioni  in attesa di una possibile catarsi o di un prossimo dissolversi”  Giovanni  Bonanno.




Global Viral Emergency 
72 Artisti  alla Ophen
nella collettiva virtuale


 In questo momento storico che ha sconvolto come e più di un sisma universale ed ha trasformato radicalmente la nostra quotidianità, inabissandoci nella attesa, nella sospensione e nell'immobilismo forzato, l’arte prova ad essere una luce, una prospettiva di riflessione. “Confronto artistico a diverse latitudini” definisce   la mostra “Global Viral Emergency –Fate presto” il curatore della stessa Sandro Bongiani, attivo da anni con la sua galleria esclusivamente online Ophen Art Museum nella quale si sono alternati nomi di primo piano del panorama artistico internazionale.Incessante  e temporaneo succedersi di presenze e di azioni in attesa di una possibile catarsi o di un prossimo dissolversi è la vita stessa” è la riflessione su cui si sono focalizzati gli artisti: settantadue voci eterogenee per stile e tecniche provenienti da ogni parte del globo fra cui Ernesto Terlizzi, Ruggero Maggi, Jose Molina, Lamberto Pignotti. Ognuno dei partecipanti ha espresso la propria specificità palesando le proprie sensazioni, emozioni, idee dal livello inconscio a quello razionale e che proprio per questo passaggio spesso si rivelano contraddittorie, a volte difficili da esprimere e comunicare. Il filo che li ha legati l’uno all’altro è stato sicuramente il tentativo di mettere in luce l’essenza autentica e complessa del nostro esistere: e soprattutto hanno fatto emergere l’angosciosa lotta contro il tempo che stiamo vivendo tutti indistintamente per la soluzione di questa catastrofe pandemica piombataci addosso inaspettatamente senza conoscerne le armi per combatterla. Hanno riflettuto in altre parole ognuno con la propria sensibilità su questo cambiamento radicale delle nostre vite e dei nostri ritmi. “Abbiamo attivato in soli venti giorni-ci confessa Sandro Bongiani- un progetto on-line di Net Art con una mostra interattiva virtuale visibile 24 ore su 24 in tutte le parti del mondo, sia per sollecitare la politica, la finanza, l’intera collettività e anche lo stesso mondo dell’arte ad un sussulto d’orgoglio alla ricerca di una qualsiasi forma di riscatto e di rinascita in questa sofferta  condizione di disagio collettivo…Dopo questa catastrofe, con tutte le gallerie e gli spazi  culturali chiusi, questa è di fatto l’unica mostra possibile e realizzabile in tutto il pianeta terra. Una galleria significativa di opere  che si pongono volutamente al di là di precostituite strategie di marketing del sistema dell’arte contemporaneo. La mostra vuole essere l’altra faccia della medaglia, misconosciuta con le divergenze e le dissonanze dei molti artisti partecipanti. II mezzo tecnologico su cui si è tanto discusso e che spesso è stato osteggiato e malvisto diventa in questo momento storico l’unico possibile per poter continuare a comunicare sia nel privato che in tanti altri campi come in questo caso l’ambito artistico espositivo. La tecnologia ci viene in soccorso ed è uno strumento preziosissimo , insostituibile. Ma Sandro Bongiani è già da molto tempo che ha creduto in questo mezzo creando la sua Piattaforma virtuale no profit da dieci anni a questa parte, facendo cultura no-profit, costruendo un programma di eventi serio e ragionato per ”una cultura che sia capace di contagiare con un virus vitale e benefico di tipo immaginativo  e di trasformarsi in una vasta e globale epidemia positiva in grado di far emergere un nuovo percorso e un diverso destino per tutta l’arte contemporanea del futuro.” Gabriella Taddeo      (recensione     il  Mattino, 31 marzo 2020  pag. 29)




Gli Artisti : Adolfina De Stefani  ITALIA I Alberto Vitacchio  ITALIA I Alessandra Angelini ITALIA I Alessandra  Finzi  ITALIA I Alexander Limarev RUSSIA I Alfonso Caccavale ITALIA I Anna Boschi  ITALIA I Antonio Sassu ITALIA I Bruno Cassaglia ITALIA I Calogero Barba  ITALIA I Carl T. Chew USA I Carla Bertola ITALIA I Cinzia Farina ITALIA I Claudio Grandinetti ITALIA  I Claudio Parentela ITALIA I Claudio Romeo  ITALIA I Coco Gordon USA I Emilio Morandi ITALIA I Enzo Patti ITALIA I Ernesto Terlizzi ITALIA I Fernando Aguiar PORTOGALLO  I Filippo Panseca ITALIA I Francesco Aprile ITALIA I Franco Di Pede ITALIA I Franco Panella ITALIA I Gabi Minedi ITALIA I Gennaro Ippolito ITALIA I Gianni Marussi ITALIA I Giovanna Donnarumma ITALIA I Giovanni Bonanno ITALIA I Giovanni Fontana ITALIA I Giovanni Rubino ITALIA I Giuseppe  Denti  ITALIA I  Guido Capuano ITALIA I Ina Ripari  ITALIA I Ivana Frida Ferraro ITALIA  I Jack Seiei GIAPPONE I James  Felter CANADA I John M. Bennett USA I John Held  USA I Jose Molina SPAGNA I Kiki Franceschi ITALIA I  Lamberto Caravita  ITALIA I Lamberto Pignotti ITALIA I Lars Schumacher GERMANIA I Leonor Arnao  ARGENTINA I Linda Paoli ITALIA I Luc Fierens  BELGIO I Lucia Spagnuolo ITALIA I Luisa Bergamini ITALIA I Maria Credidio ITALIA I  Mariano Bellarosa ITALIA I Maribel Martinez  ARGENTINA I Mauro Molinari ITALIA I Maya Lopez Muro  ARGENTINA I Natale Cuciniello ITALIA I Oronzo Liuzzi  ITALIA  I  Paolo Gubinelli  ITALIA I Paolo Scirpa  ITALIA I Patrizio Maria  ITALIA I Pier Roberto Bassi ITALIA I Patrizia Tictac GERMANIA I Rachelline Centomo MESSICO I RCBz USA I Reid Wood USA I  Rosalie  Gancie USA I Ruggero Maggi ITALIA I Ryosuke Cohen GIAPPONE I Serse Luigetti ITALIA I Teo De Palma  ITALIA I Virgilia Milici  ITALIA I Vittore Baroni ITALIA



SALA 1
Le opere:

Carl T Chew – Usa, Covid-19  2020


Alessandra Angelini – Italia, Covid-19 “ Magnolie” 2020


Ernesto Terlizzi – Italia, Covid-19 2020



Bruno Cassaglia – Italia, Covid-19 2020 


John Held – Usa, Covid-19 2020


RCBz – Usa, Covid-19 2020


John Bennett – Usa, Covid-19  “Lithic Bolus” 2020


James Felter – Canada, Covid-19 2020


Ruggero Maggi – Italia, Covid-19 “Verità Insospettabile Rasoio Umano Speranza?” 2020


Lamberto Pignotti – Italia, Covid-19 “No Exit” 2020.  


Patrizio Maria – Italia, Covid-19 “ Ogni fine sta iniziando” 2020


Paolo Scirpa – Italia, Covid-19 “Global virtual emergency” 2020


Pier Roberto Bassi – Italia, Covid-19 2020


Paolo Gubinelli, Italia, Covid-19 “graffi su carta, colori in polvere, cm. 50x70”, 2019


Coco Gordon – Usa, Covid-19 2020


Reid  Wood – Usa, Covid-19 2020


Anna  Boschi – Italia, Covid-19 “Contiene speranza” 2020


Jose Molina – Spagna,  Covid-19 “Cambiare le priorità: l' unico vero dio”. Matita B/N su carta. 2007


Filippo Panseca – Italia, Covid-19 “Corona Virus trasformato in Corona Virtus NON E' PIU' LETALE” 2020 


Ryosuke  Cohen – Giappone, Covid-19 “Corona Virus” 2020


Ptrzia(Tictac) –Germania, Covid-19 “Origami 1.000 Gru” 2020


Claudio Parentela – Italia, Covid-19 ''Assemblage3530'' 2020


Rosalie Gancie – Usa, Covid-19 “Global Viral Emergency collage” 2020


Claudio Romeo – Italia, Covid-19 2020 






Manifesto  Fate Presto 
di Giovanni Bonanno

Archivio Ophen Virtual Art di Salerno - Italy

martedì 31 marzo 2020

Mostra Virtuale Collettiva Internazionale " #GlobalViralEmergency / Fate Presto"



SPAZIO OPHEN VIRTUAL ART GALLERY

#GlobalViralEmergency / Fate Presto
L’arte tra scienza, natura e tecnologia

a cura di Sandro Bongiani

con la collaborazione di Ruggero Maggi e Giuseppe Denti

Da lunedì  30 marzo a sabato 13 giugno 2020



“La vita non è altro che un incessante  e temporaneo succedersi di presenze e di  azioni  in attesa di una possibile catarsi o di un prossimo dissolversi”  Giovanni  Bonanno.


Manifesto della mostra interattiva virtuale



Global Viral Emergency 
72 Artisti  alla Ophen
nella collettiva virtuale

#GLOBAL VIRAL  EMERGENCY / FATE PRESTO


Poema visuale di Giovanni  Bonanno 
dedicato all'emergenza virale planetaria


Giovanni  Bonanno

"SIAMO ESSERI SOLI"


Siamo
esseri  
soli
nascosti in una stanza
in attesa che il tempo ci porti via.
Invisibile tiranno d’oriente
lascia che i nostri figli
possano  dare
ancora un senso
alla speranza
e respirare
l’aria dei nostri
profumati giardini,
perché la vita
di un uomo
racchiusa
in un solitario
pezzetto di terra
non è altro
che un incessante
e temporaneo
succedersi
di presenze
e  azioni
in attesa
di un
precario
dissolversi.
Fate
Presto
!!!

© Sandro  Bongiani
8 marzo 2020


p.s, un insolito e breve poema  visivo a forma di sagoma d'uomo 
come traccia di un precario e atteso dissolversi-




Ruggero  Maggi

V erità
I nsospettabile
R asoio
U mano
S peranza?

Vita congelata, immobilità totale o quasi, molti uccelli in cielo e
nessuna scia di aerei...La Natura si sta lentamente riappropriando
dell'aria e dei mari... fino a quando?
Ma non sarà che il Vero Virus siamo noi?
La Terra ci sta dando un avvertimento, riflettiamo seriamente sul da
farsi DOPO.


ps: avete presente il finale del libro di H.G. Wells "La guerra dei mondi" e la fine che fanno gli alieni che hanno avuto la sfortunata idea di invadere la Terra? Nonostante tutte le armi degli esseri umani furono annientati solo da batteri e microbi.. forse ora gli alieni o meglio gli alienati siamo diventati noi. (R. Maggi)



Kiki Franceschi

"LE MACCHIE DEL SOLE"


Le macchie del sole
si spostano
si gonfiano
e sgonfiano
l'une su l'altre
Ritmicamente

RITMICAMENTE,
ritmicamente
nascono da dentro
come bubboni
ritmicamente
come se il sole
ritmicamente
vivesse
scintille carbonizzate
di celeste fuoco
E' l'urlo della luce disperante
a dare il senso profondo
E' la forza mistica oscura
a far schizzare lava
dalle viscere del vulcano
a far inaridire i deserti
a dare energia alla luna
per farle bere il mare

RITMICAMENTE
E' il trionfo cosmogonico
ritmicamente
a cancellare
limacciose preoccupazioni
Ritmicamente
ritmicamente
Ritmicamente
a fissare momenti d'eternità
nel numero
di note musicali.






IL PENSIERO LIBERO DI LUIGI MAZZELLA

Il Dopo-Coronavirus

Il “dopo-coronavirus” rischia di essere peggiore della pandemia, se sono vere alcune notizie su nomi e personaggi fatte circolare in questi giorni. 
Un’ipotesi è che ciò sia stato fatto al fine di sondare le possibili reazioni della gente.
Un’altra ipotesi è che si siano voluti spaventare gli Italiani, facendo balenare l’ipotesi di un governo ancora più disastroso di quello in carica. 
Occorre, quindi, non darsi carico delle notizie fatte trapelare in questi giorni e cercare di affrontare razionalmente il problema senza farsi prendere la mano dalla emozionalità che in politica è sempre una cattiva consigliera.
Agli Italiani dovrebbe essere chiaro che tra gli uomini politici del nostro passato e del nostro presente ve ne sono alcuni cui si può e si deve duramente addebitare la responsabilità di averci spinti nel baratro delle regole che ci hanno portato alla crescita-zero.
Ve ne sono, poi,  altri la cui colpa è stata quella di non avere avuto idee sufficientemente chiare su ciò che succedeva e di non averle ancora su ciò che bisogna fare per risalire la china.
Ve ne sono altri, infine,   cui si può imputare di non avere il coraggio di dire senza reticenze o senza prudenze eccessive le loro opinioni.
Il discorso deve essere esplicito sino alla brutalità, perché i fatti avvenuti sono fin troppo chiari nella loro crudezza. Basta rileggere anche solo i titoli della stampa degli anni passati.

Verso la fine degli anni Novanta l’Italia era considerata la quarta potenza industriale del mondo e la lira era una moneta che incuteva timore.  Le esportazioni andavano a gonfie vele in tutti i settori in cui eravamo impegnati e la bilancia dei pagamenti era in forte attivo. Francia e Germania se la passavano male e cercavano uomini politici italiani da sedurre per favorire i loro interessi.
Dopo l’adesione all’Euro (già di per sé disastrosa per il cambio impostoci dal governo Prodi) il Paese cominciava a precipitare nel baratro, senza mai più riprendersi. Tutti gli indici si erano alterati in peggio, a vantaggio di Francia e Germania che prima dell’Euro stavano peggio di noi (anche qui, i titoli dei giornali dell’epoca sono chiari).
Tutti i cosiddetti “Europeisti” di allora e di oggi dovrebbero dare agli Italiani delle spiegazioni circa i loro entusiasmi avuti e soprattutto circa la loro persistenza attuale.
Allora? Si parla di un nuovo nocchiero per la nave “Italia”.
Se il “navigatore” cui affidare la nave (attualmente pilotata in modo scordinato da una Armata Brancaleone che farebbe opera meritoria a mettersi volontariamente da parte) è sulla stessa linea dei leader politici che ci hanno messo nelle mani delle signore Ursula Von Der Leyen e Christine Lagarde  e ciò per tacere degli italiani, per carità di patria) è bene dirgli subito: no grazie!

Se dovesse fare (e non per palese calcolo furbesco) un discorso diverso e decisamente contrario alle attuali linee di governo dell’Unione Europea, allora bisognerebbe chiedergli di mostrare le carte che pensa di avere in mano. Se, infatti,  pensasse di fare attuare un programma di risveglio e di riscatto da vecchie “cariatidi” ben note agli Italiani, per i loro disastrosi trascorsi governativi, bisognerebbe dirgli ancora: Grazie per il bel programma ma con la compagine indicata  non si andrebbe da nessuna parte; quindi ancora una volta: grazie no!
Se, infine, dovesse dire: difenderò il Paese contro chi l’ha ridotto in brandelli e vuole continuare a farlo con mezzi ancora più brutali e per farlo mi avvarrò di una compagine governativa  in cui tutti siano, chiaramente e senza riserve,  orientati in questa direzione (perché nessuno ha un passato di servilismo verso l’Unione da farsi perdonare) si potrebbe dire: grazie sì! ma guai, però, a chiudere gli occhi. L’attenzione dovrebbe acuirsi ed essere volta a evitare che siano imbarcati vecchi arnesi suggeriti non solo dai partiti che in Europa hanno sempre avuto una posizione sostanzialmente subordinata ai tecnocrati di Bruxelles ma anche da quelli che sono stati contrari a quei burocrati per rivendicazioni nazionalistiche simili a quelle degli anni Trenta.

In definitiva, per un governo di salute pubblica la lontananza da ogni partito politico dovrebbe essere la condizione assolutamente  indispensabile, pur essendo l’azione da svolgere eminentemente politica. 
Un conto, infatti, è avere una visione politicamente chiara; altro conto è servirsi della politica come mestiere per sbarcare il lunario.
C’è una nota positiva da ricordare: il terrore mediatico-giudiziario ha tenuto lontani dalla vita politica i migliori galantuomini di questo Paese. 

Richiamarli, per un periodo limitato, a occuparsi della nostra disastrata res publicaequivarrebbe, nella sostanza, all'appello che si è fatto ai medici per risolvere i problemi della pandemia.



Opera  con poema visuale di Alessandra Angelini 
presente nella prima sala della mostra


Artisti presenti: Adolfina De Stefani  ITALIA I Alberto Vitacchio  ITALIA I Alessandra Angelini ITALIA Alessandra  Finzi  ITALIA I Alexander Limarev RUSSIA Alfonso Caccavale ITALIA I Anna Boschi  ITALIA I Antonio Sassu ITALIA Bruno Cassaglia ITALIA Calogero Barba  ITALIA I Carl T. Chew USA Carla Bertola ITALIA Cinzia Farina ITALIA Claudio Grandinetti ITALIA  I Claudio Parentela ITALIA I Claudio Romeo  ITALIA I Coco Gordon USA I Emilio Morandi ITALIA I Enzo Patti ITALIA I Ernesto Terlizzi ITALIA Fernando Aguiar PORTOGALLO  I Filippo Panseca ITALIA Francesco Aprile ITALIA I Franco Di Pede ITALIA I Franco Panella ITALIA I Gabi Minedi ITALIA I Gennaro Ippolito ITALIA I Gianni Marussi ITALIA I Giovanna Donnarumma ITALIA I Giovanni Bonanno ITALIA I Giovanni Fontana ITALIA Giovanni Rubino ITALIA Giuseppe  Denti  ITALIA I  Guido Capuano ITALIA I Ina Ripari  ITALIA Ivana Frida Ferraro ITALIA  I Jack Seiei GIAPPONE I James  Felter CANADA I John M. Bennett USA John Held  USA I Jose Molina SPAGNA I Kiki Franceschi ITALIA I  Lamberto Caravita  ITALIA I Lamberto Pignotti ITALIA I Lars Schumacher GERMANIA I Leonor Arnao  ARGENTINA I Linda Paoli ITALIA I Luc Fierens  BELGIO I Lucia Spagnuolo ITALIA I Luisa Bergamini ITALIA I Maria Credidio ITALIA I  Mariano Bellarosa ITALIA I Maribel Martinez  ARGENTINA I Mauro Molinari ITALIA Maya Lopez Muro  ARGENTINA I Natale Cuciniello ITALIA I Oronzo Liuzzi  ITALIA  I  Paolo Gubinelli  ITALIA I Paolo Scirpa  ITALIA I Patrizio Maria  ITALIA I Pier Roberto Bassi ITALIA I Patrizia Tictac GERMANIA I Rachelline Centomo MESSICO I RCBz USA I Reid Wood USA I  Rosalie  Gancie USA I Ruggero Maggi ITALIA I Ryosuke Cohen GIAPPONE I Serse Luigetti ITALIA I Teo De Palma  ITALIA I Virgilia Milici  ITALIA I Vittore Baroni ITALIA.


Sala 2

Enzo Patti – Italia, 2020

Alexander Limarev – Russia, 2020

Alfonso Caccavale – Italia, 2020

Guido Capuano – Italia, 2020

Giovanni Bonanno – Italia, 2020


Lamberto Caravita – Italia, 2020


Teo de Palma – Italia, 2020


Alessandra Finzi – Italia, 2020.  

Cinzia  Farina – Italia, 2020


Natale Cuciniello – Italia, 2020


Gabi Minedi – Italia, 2020


Francesco Aprile – Italia, 2020


Gennaro Ippolito – Italia, 2020

Kiki Franceschi – Italia, 2020

Fernando Aguiar – Portogallo, 2020

Ivana Frida Ferraro – Italia, 2020

Franco Panella – Italia, 2020

Mauro Molinari – Italia, 2020


Carla Bertola – Italia, 2020


Ina Ripari – Italia, 2020


Maya Lopes Muro – Argentina, 2020

Franco Di Pede – Italia, 2020

Luisa Bergamini – Italia, 2020 

Giovanni Rubino – Italia, 2020 





segnalato da Archivio Ophen Virtual Art di Salerno